home | chi siamo | attività nel parco | dove siamo | galleria foto | links | partners | contattaci
home | about us | full immersion | where we are | photo gallery | links | partners | contact us

GET Gruppo Escursionistico Trekking
iscriviti alla newsletter
inserisci qui la tua email
se sei socio GET seleziona la voce "socio"
 
diventa anche tu socio GET
ed immergiti nelle meraviglie naturalistiche del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano
scarica e compila e firma la domanda di iscrizione, da inviare al numero
fax 0975 72 586
Domanda di iscrizione al GET
affiliati con:
FederTrek - Escursionismo e Ambiente
Federazione Italiana Escursionismo
     siamo su Flickr
Ci trovi anche su facebook!
Clicca su "mi piace"
Commenta le nostre
foto su Flickr
NOVITÀ
Torna indice newsaggiorna pagina

Stop al mega-gasdotto SNAM e la devastazione del Basso Cilento: FIRMA LA PETIZIONE

Perché è importante

Il Basso Cilento potrebbe essere attraversato dal gasdotto del progetto “Iniziativa Sealine Tirrenica” della SNAM Rete GAS S.p.A. per contribuire al potenziamento dell’approvvigionamento nazionale di gas naturale.


Secondo il progetto SNAM, due condotte sottomarine provenienti dalla Sicilia approderanno alla foce del fiume Bussento, a Policastro Bussentino. Da qui le condotte, dove il gas è compresso ad una pressione di 215 bar,risaliranno il fiume Bussento per circa tre chilometri attraversandone tre volte l’alveo (forse due volte in microtunnel e una a cielo aperto) per raggiungere una centrale di decompressione (terminale di Policastro B.) da realizzarsi a poche centinaia di metri dal corso d’acqua e da insediamenti abitativi.

Dalla centrale partirà un secondo tracciato, in condotta unica e con una pressione di ‘trasporto’ dimezzata, che raggiungerà la centrale di Montesano sulla Marcellana, ricongiungendosi infine ai gasdotti della rete nazionale lungo la dorsale appenninica, nel Vallo di Diano. Questo secondo tracciato, originariamente previsto nel territorio del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, attraversa i comuni di Santa Marina, Tortorella, Vibonati, Casaletto Spartano, e Casalbuono in area contigua del Parco, per ‘bucare’ con un nuovo microtunnel (lunghezza prevista 1200 m!) la dorsale di Monte Cocuzzo e raggiungere infine Montesano sulla Marcellana. Il tracciato attraversa o costeggia per lungo tratto (è il caso del T. Gerdanaso) 6 corsi d’acqua, e attraversa tre Siti di Importanza Comunitaria (SIC “Basso corso del Fiume Bussento”, interferito due volte lungo il Bussento ed il Torrente Iunda; il SIC “Montagne di Casalbuono” attraversato per circa 12 Km; il SIC “Lago Cessuta e dintorni” interferito per 1,3 Km). L’approdo alla foce sembrerebbe inoltre ricadere nellaZona di Protezione Speciale ZPS “Costa tra Marina degli Infreschi e Policastro B”.


Il tracciato descritto è l’ultima variante presentata dalla SNAM. Questa variante riduce al minimo l’interferenza del gasdotto con i limiti amministrativi del Parco del Cilento. Questo è sufficiente a rendere sostenibile e ambientalmente compatibile un’opera di tale portata? Noi crediamo di no!
Il gasdotto SNAM andrebbe ad interferire con un territorio che, a parte i limiti amministrativi del Parco Nazionale, rappresenta un contesto di rilevanza nazionale per la conservazione della biodiversità, di pregio naturalistico e paesaggistico riconosciuto a livello mondiale. Sebbene in area contigua del parco, è parte di un territorio più ampio riconosciuto patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO e designato Riserva di Biosfera dalla stessa UNESCO; è un territorio che con i suoi SIC e le ZPS contribuisce alla rete ecologica europea Natura 2000, creata dall’Europa al fine di mantenere o favorire o ripristinare uno stato di conservazione favorevole per gli habitat e le specie di fauna e flora di interesse comunitario (rispetto ai siti Natura 2000 gli Stati europei hanno l’obbligo di tutelarne e favorire la conservazione delle specie e degli habitat che vi si trovano); rappresenta un’importante porzione dell’area centrale (core area) di distribuzione di uno dei mammiferi carnivori a maggior rischio di estinzione in Italia, la lontra (Lutra lutra), e come tale priorità per la conservazione della specie a scala nazionale.

In questo senso il tracciato esterno al Parco lascia invariati gli effetti per le componenti naturali e l’impatto paesaggistico che semmai possono risultare addirittura aggravati rispetto al progetto originario.
Il nuovo tracciato è solo esterno al parco, non attraversa aree meno sensibili!
Si stima che l’opera comporterà la rimozione di 28603 alberi, lungo i 18 Km ca di aree boscate interferite!!!Diversi corsi d’acqua (tra cui Bussento, Iunda, Gerdanaso, Sorgitore, Calore-Tanagro) saranno attraversati o alterati longitudinalmente e nella fascia riparia dal gasdotto, soprattutto la foce e i primi 3 Km del fiume Bussento, ricadenti interamente in area SIC.Questi corsi d’acqua rappresentano sistemi fluviali di elevata integrità ecologico-funzionale: essi costituiscono habitat fondamentali per molte specie tra cui alcune, ad esempio il gambero di fiume autoctono (Austropotamobius pallipes) ormai presente in Cilento solo lungo il T. Rio Casaletto-Sorgitore ed il Bussento.


In tutti questi corsi d’acqua è presente stabilmente la lontra, ma la SNAM lo ignora! Queste specie, a cui andrebbero aggiunte altre specie indicatrici, e gli ambienti fluviali che le ospitano, costituiscono elementi portanti di quella riconoscibilità e qualità naturalistico-paesaggistica che rappresentano la principale ricchezza (anche in senso economico) cilentana.
Una dorsale come quella di Monte Cocuzzo, importante anche per l’approvvigionamento idrico delle popolazioni locali, sarà addirittura trivellata.

La centrale di decompressione di Policastro preoccupa le popolazioni locali e gli operatori turistici, per l’impatto visivo e paesaggistico, le emissioni (anche odorose), e l’effetto psicologico di un territorio di pregio naturalistico, violato da infrastrutture industriali. 
L’opera non porterà alcun vantaggio immediato per il territorio e per i cilentani. Il gasdotto comporterà l’espropriazione di aree agricole e l’istituzione di fasce di servitù, non servirà per la metanizzazione del Cilento e non darà lavoro (l’opera richiede soprattutto manodopera specializzata).


Al contrario, l’opera, avendo un impatto diretto, percettibile e persistente, almeno nel medio periodo, sugli elementi naturali e paesaggistici caratterizzanti e qualificanti l’area, andrà a minare le scelte di sostenibilità già intraprese dal territorio e il faticoso investimento nelle ricchezze naturali e nella vocazione turistica, operato negli anni dalle comunità locali.
La scelta del tracciato da parte di SNAM non è evidentemente la migliore possibile. Sembra proprio che ci sia stato un particolare impegno a scegliere un territorio tanto pregiato, tutelato e vincolato.


Oltre ai rischi intrinsechi connessi con gli impatti dell’opera, consentendo un progetto del genere in un territorio tanto tutelato e di tale pregio si rischia di creare un pericoloso precedente per il Cilento e per territori con condizioni simili. Per il Cilento potrebbe voler dire nel futuro rendere più frequente e semplice l’approvazione di altre opere infrastrutturali ed industriali, che caduti i tabù della tutela e dei vincoli, potrebbero fiorire in un territorio purtroppo affamato di lavoro. Ma nessuna attività industriale, nessun lavoro ripagherà la perdita irreversibile di quelle ricchezze che fanno del Cilento un territorio unico e patrimonio mondiale, e che rappresentano l’unica eredità, anche economica, per il sostegno delle generazioni future nell’area.

FIRMA LA PETIZIONE SU:     http://www.avaaz.org/it/petition/MInistro_dello_Sviluppo_Economico_Ministro_dellAmbiente_Bloccare_il_megagasdotto_SNAM_e_la_devastazione_del_Basso_Cilent/?email

Stop al mega-gasdotto SNAM e la devastazione del Basso Cilento: FIRMA LA PETIZIONE



GET Gruppo Escursionistico Trekking Vallo di Diano
Via Provinciale, 29 - 84030 Silla di Sassano (Salerno) Italia - p.iva 92004750656

tel +39 0975 72 586 - cell 338 3095044 - info@getvallodidiano.it - www.getvallodidiano.it


[ home ]   [ chi siamo ]   [ attività nel parco ]   [ dove siamo ]   [ galleria foto ]   [ links ]   [ siti amici ]   [ scambio links ]   [ partners ]   [ contattaci ]  
[ home ]   [ about us ]   [ full immersion ]   [ where we are ]   [ photo gallery ]   [ links ]   [ partners ]   [ contact us ]